Category Archives: nessuna categoria

SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE 2022

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Finanziato il programma sperimentale ambientale IN.F.E.A. (Informazione, Formazione ed Educazione ambientale)

presentato dal Coordinamento del Volontariato della Protezione Civile della provincia di Foggia in co- programmazione con il CE.S.EVO.CA di Foggia e con il supporto tecnico – scientifico dell’associazione ambientalista LIPU

Sono 20 i posti disponibili, in provincia di Foggia, per i giovani tra i 18 e 28 anni che intendono diventare operatori volontari di servizio civile ambientale. Fino alle ore 14.00 di venerdì 30 settembre 2022 è possibile presentare domanda di partecipazione ai progetti del Programma IN.F.E.A.  che si realizzeranno tra il 2022 e il 2023 in Capitanata. I progetti hanno durata di 12 mesi.

Il 50% dei posti è riservato ai giovani con difficoltà economiche (ISEE< 10.000).

Il Programma IN.F.E.A. nasce dalla volontà del Coordinamento del Volontariato della Protezione Civile della provincia di Foggia di FOGGIA di promuovere la cultura del volontariato ambientale, attraverso interventi di educazione ambientale e di monitoraggio e sorveglianza di habitat ad elevato indice di biodiversità. “Attivare iniziative di tutela e cura del territorio puntando ad aumentare la consapevolezza nei volontari e nella cittadinanza delle responsabilità nei confronti dell’ambiente è uno dei punti, inderogabili, della programmazione 2021 – 2025 del Coordinamento provinciale dei Volontari della protezione Civile di Foggia. In questo senso l’accreditamento al Servizio Civile Universale (la ns rete è l’unica accreditata, a livello nazionale, nel sistema del volontariato della protezione civile, ndr) rappresenta uno strumento operativo fondamentale nonché una grande esperienza di senso civico e partecipativo” dichiara il Presidente Matteo Perillo.

E’ un progetto di grande interesse: il coinvolgimento dei giovani nel volontariato ambientale è una delle basi imprescindibili per costruire un senso civico attivo che li riconnetta ai valori europeisti e di solidarietà sociale con una particolare attenzione alla tutela dell’ambiente. A beneficiarne saranno i giovani ma, ovviamente, anche la Natura a rischio in Capitanata. Infatti sono previste attività in favore di specie e habitat minacciati per i quali da tempo la LIPU ha cercato di moltiplicare gli sforzi di protezione. Questo progetto aggiunge sinergie preziose tra associazioni e istituzioni per conseguire interessi collettivi di grande valore”, afferma Enzo Cripezzi, responsabile LIPU per la Puglia.

Il programma IN.F.E.A. è realizzato in co- programmazione con il CESEVOCA di Foggia.

E’ sostenuto dai partner: Ente Parco Nazionale del Gargano, CIA CAPITANATA Foggia, Comune di Manfredonia; iGAL Meridaunia, GAL Gargano, Consorzio CONFAT, la rete di imprese FOREST FOR FOOD.

Gli aspiranti operatori volontari devono presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it dove, attraverso un semplice sistema di ricerca con filtri, è possibile scegliere il progetto per il quale candidarsi.

Ai giovani selezionati, che saranno poi avviati al servizio civile, è riconosciuto un assegno mensile pari a € 444,30. Nella sezione “Per gli operatori volontari” del sito politichegiovanili.gov.it sono consultabili tutte le informazioni utili alla presentazione della domanda nonché del bando, da leggere attentamente.

 PER INFO : www.cvpc.foggia.it        scu@cvpc.foggia.it

Eolico e Fotovoltaico:

ANCORA BARBARIE URBANISTICA !!

LIPU Puglia:  Anche la nuova Giunta rimane a guardare il collasso ? 

E’ una inondazione senza precedenti di progetti mostruosi, mastodontici, tra competenze ministeriali e regionali (delegate alle province), il martoriato territorio di Puglia è irresponsabilmente condannato a morte dai suoi stessi amministratori che continuano a non intervenire, umiliando e saturando le aree rurali residue,  quindi di grande importanza.  104 masserie assediata da eolico - ph LIPU Fg

Non bastava la mortificazione accumulata in 20 anni di disinteresse e complicità politica, ancora continuano espropri e vertenze legali. I residui contesti rurali della Puglia subiscono un oltraggio di nuovi progetti che si accumulano uno sull’altro senza lasciare scampo ai territori.

Procedimenti che si incrociano al Ministero e alle Province e ogni Ente fa valutazioni senza tener conto dell’altro, e nemmeno di progetti già autorizzati in passato. E, ancora, la enorme quantità di impianti fino a 1 MW, ancor più deregolamentati con procedure in capo ai comuni.

La Regione, ormai, è in gran parte spogliata di prerogative autorizzative, chiamata ad esprimere pareri di rito ma …. in procedimenti gestiti da altri Enti. SIAMO ALL’ASSURDO !

Il 25 gennaio scorso la Commissione Consiliare Regionale Ambiente ha discusso del fenomeno esprimendo unanime preoccupazione e per “fermare un oltraggio al paesaggio e un grave impatto sul settore agricolo” ipotizzando un aggiornamento del Piano Paesaggistico pugliese.

NO !  Non è questa l’azione più adeguata all’urgenza !

In una articolata nota (*) – spiega Enzo Cripezzi della LIPU pugliese - abbiamo trasmesso alla Commissione Ambiente, ai Consiglieri regionali e soprattutto alla Giunta, il quadro disastroso e le nostre istanze, evidenziando come l’aggiornamento del PPTR sia doveroso ma prevede un iter troppo lungo e intanto giorno dopo giorno si approvano ipoteche insanabili !    Nel frattempo, per arginare e scremare immediatamente questa violenta invasione, occorre approvare IMPROROGABILMENTE misure restrittive di carattere territoriale da integrare nel preposto RR 24/2010 agilmente con una o più DELIBERE  di GIUNTA.

Non solo. SI DEVE adottare una politica di ricorsi contro disastrose autorizzazioni rilasciate dal settore VIA del Ministero Ambiente che stanno uccidendo la Puglia. Non basta che la Regione faccia annunci roboanti di pareri negativi nell’ambito di procedimenti VIA ministeriali, salvo fare poi spallucce quando questi stessi pareri siano del tutto ignorati.

Ma ci sono anche da contestare autorizzazioni che alcune Province hanno rilasciato e continuano impunemente a rilasciare. Quella di Foggia su tutte : solo negli ultimi giorni il via libera all’ennesimo, sconcertante progetto eolico. Ma ormai tutte le Province non sanno come arginare la valanga. Intanto le sentenze TAR si sostituiscono gravemente ai ritardi degli Enti.

La decennale mancanza di risposte concrete della Regione è intollerabile – rimarca la LIPU pugliese -, mai come in questo caso la tempestività è anche sostanza nella azione politica. Emanare provvedimenti a tutela di aree dopo che sono state ipotecate dalle autorizzazioni sarebbe ridicolo!  E quindi l’appello della LIPU. L’Assessora Maraschio dia segno di discontinuità e di sensibilità concreta: porti in Giunta con ogni urgenza una serie di misure ad integrazione del Regolamento in materia, protegga le aree scampate iniziando da quelle interessate da procedimenti autorizzativi prossimi a conclusione.

Un esempio sono l’ampliamento della vincolistica su aree sguarnite di tuteleche stanno per essere compromesse : es. ampliamento di coni visuali esistenti e definizione di nuovi, identificazione di “aree sature”, identificazione di ulteriori “Aree non idonee” per valori faunistici e identità paesaggistiche, fasce di rispetto specifiche da ogni area protetta o vincolata.   E poi, l’Assessora Maraschio, impegni la Giunta ad adire con urgenza in sede legale contro le autorizzazioni espresse da Ministero e Province.

La Puglia muore….   FATE   PRESTO

                                                      17.02.2021 – LIPU onlus – coord della Puglia

(*) nota richiamata nel comunicato 

Per la Regione Puglia la caccia viene prima della pandemia

L’allarme delle associazioni

Gli scriventi, associazioni, cooperative, gruppi di cittadini e professionisti, operano nel territorio pugliese svolgendo attività escursionistiche, turistiche, sportive, artistiche, didattiche, ludico-ricreative, di ricerca in campo ambientale ed altre attività connesse con la fruizione e la promozione del patrimonio naturalistico, paesaggistico e storico-culturale regionale.
Gli stessi osservano come la nuova Giunta insediata in Puglia abbia emanato due provvedimenti filovenatori dei quali non si condivide l’urgenza, e che si ritengono errati, in parte probabilmente illegittimi, oltre che non opportuni in questa fase emergenziale. Ci riferiamo all’Ordinanza n. 5/2021 con la quale il Presidente Emiliano concede ai cacciatori il via libera a muoversi all’interno di tutto il territorio regionale, in contrasto con le norme nazionali e con quanto previsto per tutti gli altri cittadini, nonché la Delibera di Giunta Regionale n. 69/2021 con la quale si modifica il calendario venatorio vigente approvato con la DGR n. 1270/2020, ampliando il termine entro il quale è consentita la caccia di un rilevante numero di specie.
Con l’ordinanza citata i cacciatori hanno facoltà di spostarsi liberamente nell’intero territorio regionale poiché la loro azione è utile “…in quanto trattasi di attività giustificata da stato di necessità per conseguire l’equilibrio faunistico-venatorio, limitare i danni alle colture, nonché il potenziale pericolo per l’incolumità pubblica…”. Motivazioni che non trovano nessun supporto da parte degli organismi scientifici, oltre che privilegiare il cacciatore rispetto agli altri cittadini.
Con il secondo atto, la DGR n. 69/2021, si ampliano inoltre i periodi in cui è consentito andare a caccia, oltre i limiti già previsti dal calendario venatorio vigente, per ben undici specie, molte delle quali minacciate ed incluse tra le specie protette dalla Direttiva Uccelli 2009/147/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio.
Queste decisioni omettono, gravemente, il coinvolgimento di ISPRA, massimo organismo nazionale per la gestione della fauna, e potrebbero risultare in contrasto con altri atti regionali sulla fauna protetta da Rete Natura 2000, come il Regolamento 28/2008 e 6/2016. Tra le motivazioni tecniche a giustificazione del provvedimento, vengono per giunta citati i dati della recente pubblicazione della stessa Regione Puglia “Gli uccelli acquatici svernanti in Puglia 2007-2019”, ma con alcune interpretazioni errate.
Invece di adottare atti di buona gestione faunistica e a favore della salute pubblica, che vietino ad esempio l’uso del piombo nelle cartucce (sostanza altamente inquinante per l’ambiente e causa del saturnismo anche per l’uomo), constatiamo che con questi procedimenti si inaugura, in piena emergenza, quella che sembra una stagione filovenatoria di questa Giunta.
Con la presente si vuole evidenziare che le attività svolte dagli scriventi, utili alla salute fisica e mentale, sono attualmente inibite ovunque nel territorio regionale, sia in gruppi che individualmente. Riteniamo ulteriormente offensivi tali provvedimenti nei confronti di chi svolge attività lavorative e di volontariato in questi ambiti e che, nel rispetto delle norme nazionali, si trova costretto ad una stasi.
Al contrario, un’attività pericolosa e di discutibile utilità come la caccia viene considerata necessaria e dunque incentivata.
La nostra voce di denuncia su questi temi di etica civile e sociale non mancherà di sollecitare l’attenzione del Presidente della Regione Puglia e sensibilizzare la cittadinanza tutta, anche denunciando atti ritenuti non condivisibili ed illegittimi alle autorità competenti.

ABFO Onlus – Associazione Benefica Fulvio Occhinegro
Accademia Kronos – Coordinamento Puglia – Guardie Zoofile Ambientali
Antropia – Cisternino
Arca – Bari
ADIRT – Associazione Difesa Insediamenti Rupestri e Territorio
AFNI – Associazione Fotografi Naturalisti Italiani – Sezione Puglia
APMARR Taranto
ALTURA – Associazione per la Tutela degli Uccelli Rapaci e dei loro Ambienti
Amici della Polizia Locale – Gravina in Puglia
Ammostro APS
Arcipelago Meridiano APS
ANPA – Associazione Nazionale Protezione Animali – Puglia
ANPANA – Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente – Puglia
ArtiDea Cultura Bari
AsBeCo – Associazione Beni Comuni
Astrolabio Slowtour
ATA-PC odv – Associazione Tutela Ambiente e Animali – Protezione Civile – Lecce
Azienda Agricola Centurini Paola
Be Nature sas
Bosco Difesa Grande Ass.
CAMA – Centro Assistenza Malati Aids Odv
Centro Studi Naturalistici Onlus
Chloris – Agricultura Naturale
Cibus – Bari
Club della Canzone d’Autore
Comitato Colibrì – Puglia
Comitato I Pastori della Costa – dalla collina al mare
Comitato ManduriAMO
Comitato contrade Mincuccio, Cervarolo e Montesasso di Ostuni
Comitato Contrade San Salvatore, Intendete e Settarte di Ostuni
Comitato per il Parco del Mar Piccolo Onlus
Comitato per la Tutela delle Coste – Monopoli
Comitato per la Tutela del Territorio Area Metropolitana di Bari
ConsumAttori APS
Convochiamociperbari
Coordinamento per il Parco Terra delle Gravine
CREI – Centro Ricerche Educazione Integrale
Cucciolo Associazione socio-educativa e culturale
Cultura e Territorio Roccaforzata (TA)
Ecofucina
Effetto Terra
Fatalamanga23 Associazione culturale
FIAB – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta – Puglia
Fondazione Agriculture
Fridays For Future – Gravina in Puglia
Fridays For Future – Taranto
Fronte del Porto – Bari
Fuori Fase
Gaia Animali & Ambiente – Puglia
Gaia environmental tour education and events Soc. Coop. Onlus. – Ostuni
Giacche Verdi – Sezione Puglia
Giorgioforever Organizzazione no-profit
Grott’Art Grottaglie – Associazione di promozione turistica
Gruppo di Volontariato Vincenziano
Gruppo Educhiamoci alla Pace odv
Gruppo Segnavia Eco Trek
Guardie Ambientali – Puglia
Guardie per l’Ambiente – Puglia
Guide Ufficiali Parco Nazionale dell’Alta Murgia
Idee in Valle
Il Diritto degli Ulivi
Il Giunco APS
Il Nuovo Fantarca onlus Soc. Coop. arl
Inachis Bitonto
I Rampicanti Climbing Farm
Italia Nostra – Puglia
Jonian Dolphin Conservation
Kahmann Azienda Apistica
Laboratorio di Permacultura Mediterranea APS
La Luna nel Pozzo – Ostuni
Lanius – Ricerca e divulgazione naturalistica in Basilicata
LAV – Lega Anti Vivisezione – Puglia
Legambiente Conversano ABRON
Legambiente Manduria
Legambiente Maruggio APS
Legambiente Putignano Verde Città
Lignum – Alberi per Taranto
LIPU – Lega Italiana Protezione Uccelli – Puglia
LitorAli
Lo Specchio delle Arti
Luca Samele Onlus
MapforWalking APS
Masseria Carmine
Masseria dei Monelli – Ortocircuito
Messapia Trek ASD
Millenari di Puglia
Museo Laboratorio della Fauna Minore – San Severino Lucano (PZ)
MuMART – Museo Marino Artistico
Naturalmente a Sud APS
NaturOffice ETS
No Triv – Basilicata
Novelune Soc. Coop.
OIPA Guardie zoofile – Puglia
Omini di Pietra
PeaceLink
Peonia – Altamura
Piazza del Baratto – Bari
Pirati delle Cheradi ASD
Plasticaqquà Taranto
Polyxena APS
Profilo Greco – Agenzia di tour turistici
Pro Loco Capo San Vito – Associazione turistica
PugliaWalk – Rossella Gendarmi, Guida turistica ed escursionistica
Rangers d’Italia – Puglia
Rarovet APS Bari
Rematori Magna Grecia ASD
Robert Owen Coop. Soc.
Semi di Vita Soc. Coop. Sociale
Serapia Coop.
Sezioneaurea – Gravina in Puglia
Solempò APS
South Hemp Tecno srl
Spirito Salentino Coop.
Taranto Respira
Tarantoturistica.com
Terrae – Centro Studi e Didattica Ambientale
Terre del Mediterraneo – Istituto per la Ricerca e la Documentazione per l’Ambiente
Thalassia Coop.
Together ASD – Andria
Tracceverdi Coop.
Tripexperience – Marco Rigliaco, Guida ambientale escursionistica
Ulixes Coop.
Universitari per Passione
Vento Refolo APS
Willie.it
WWF Trulli e Gravine
4Cycling ‘n Trek
72024 Centro di Smistamento Culturale

ennesima Lontra morta sulla litoranea

Purtroppo ancora una Lontra uccisa dal traffico veicolare sulla maledetta litoranea della riviera sud di Manfredonia.

lontra morta 14.1.21

Lontra morta 14.1.21, ph F. Rinaldi

La carcassa è stata rinvenuta da Franco Rinaldi , volontario della LIPU, che l’ha prontamente segnalata e successivamente è stata conferita sempre dalla LIPU all’Istituto Zooprofilattico di Foggia per le indagini necroscopiche (ph F. Rinaldi) .

Salgono quindi a 7 gli esemplari morti su questa triste arteria stradale.

Foggia 15.1.21

LIPU odv – Sez. prov Foggia