PUGLIA, MEGA IMPIANTO ENERGAS:

FacebookTwitterGoogle+Condividi

 IL13 APRILE SI CONCLUDE IL PROCEDIMENTO DELL’OPERA CONTESTATA.

Lipu: “Si rischia una nuova TAP, il MISE non conceda autorizzazioni”.

12 aprile 2017 – “Se dovesse essere concessa l’autorizzazione all’impianto Energas si comprometterebbero siti ad alto valore di biodiversità e un pezzo del Parco nazionale del Gargano”. Così la Lipu-BirdLife Italia alla vigilia della conclusione (13 aprile) del ciclo di conferenze di servizi presso il ministero allo Sviluppo economico relativo al procedimento per la eventuale autorizzazione del gigantesco impianto di stoccaggio Energas, previsto sulla costa di Manfredonia ma che avrebbe una ripercussione su tutta la Capitanata.

Un grande impianto industriale con opere annesse, caratterizzato da rischio di incidente rilevante e che, se realizzato, stravolgerebbe un sito della rete Natura 2000 e comprometterebbe un pezzo del Parco nazionale del Gargano, umiliando inoltre le vocazioni territoriali del manfredoniano e l’intera comunità Sipontina, che ha sonoramente rigettato la proposta progettuale con una civile consultazione referendaria.

Non si può continuare a erodere la ricchezza naturalistica di queste zone, aree di interesse comunitario che ho avuto più volte la fortuna di frequentare e apprezzare – critica il presidente della Lipu-BirdLife Italia Fulvio Mamone CapriaIndustrializzare anche l’area agropastorale a sud della strada statale 89 sarebbe un scempio che inevitabilmente aprirebbe nuove vertenze comunitarie”.

Dopo aver ottenuto dal Ministero dell’Ambiente un “rocambolesco” parere di Via, poi impugnato da Comune, Lipu e Comitato di associazioni locali, Energas preme ora alle porte del ministero dello Sviluppo per avere anche qui via libera, in contrasto con le esigenze del territorio e della società civile.

Dal 13 aprile i funzionari del MISE potrebbero autorizzare clamorosamente l’impianto – precisa Enzo Cripezzi della Lipu pugliese - anziché, come giusto e auspicabile, respingerlo a causa dei numerosi e insormontabili problemi sulla sicurezza e in ossequio ai pareri urbanistici negativi espressi da Regione Puglia e Comune di Manfredonia”.

C’è poi una terza via, nel caso in cui i funzionari non ritenessero di poter assumere una decisione univoca: la rimessione della decisione al Consiglio dei Ministri.

La politica, che si era mossa nei mesi passati in occasione della consultazione referendaria sull’opera, faccia ora azione di lobbying, riequilibrando il peso contrattuale che Energas fa valere nei confronti del MISE – conclude Cripezzi – Parlamentari e rappresentanti delle istituzioni agiscano con urgenza in modo pubblico e concreto a vantaggio delle comunità locali e della salvaguardia del bene collettivo”.

UFFICIO STAMPA LIPU-BIRDLIFE ITALIA