Tag Archives: manfredonia

Manfredonia, non c’è pace per la zona di S. Spiriticchio. E non solo!

FacebookTwitterGoogle+Condividi

LIPU, una domanda ai Candidati Sindaci.

 A braccetto con il progetto di mega impianto industriale Energas, nella stessa località di S. Spiriticchio arriva la richiesta di grandi impianti fotovoltaici. E’ il nuovo cancro al territorio della Daunia, nei cui confronti la politica continua irresponsabilmente a guardare, se non complice. E infatti anche nell’agro manfredoniano sono centinaia (!!) gli ettari aggrediti con proposte oscene di simili impianti che rischiano di stravolgere l’assetto territoriale, sulla scia di una speculazione altrettanto sconsiderata, quella eolica.

E’ l’ennesima Srl emanazione di grandi compagini industriali che pescano a strascico in Capitanata, la Blu Solar - gruppo immobiliare Maresca Spa di Pescara -, ad avanzare una richiesta per una distesa fotovoltaica a S. Spiriticchio, a sud della SS89, in area contigua a quella pretesa da Energas e al Parco Nazionale del Gargano per oltre 13 ettari in ZPS.

Anche in tale procedimento, in valutazione presso la Provincia di Foggia, ancora una volta la LIPU ha presentato controdeduzioni a tutela delle emergenze faunistiche e contro la piaga del consumo di territorio. Per altro rilevando che ci sono ulteriori due progetti nella stessa zona, contigui all’area industriale a nord della SS89 : uno da oltre 8 ettari , della stessa BluSolar, più uno da oltre 2 ettari.

Ma la LIPU rileva come sia tutto l’agro manfredoniano oggetto di numerose istanze per enormi impianti fotovoltaici, già in iter autorizzativo al Servizio VIA della Provincia di Foggia e che rischiano di assoggettare oltre 900- 1000 ettari agrari di grande importanza naturalistica, stante la grave superficialità dell’azione valutativa dimostrata ad oggi da questo Ente.

Sarebbe intollerabile – ha affermato emblematicamente la LIPU a conclusione delle articolate osservazioni – vedere distese fotovoltaiche al suolo e poi, a pochi passi, le coperture immacolate di capannoni industriali “!

Questa è l’ennesima dimostrazione del totale fallimento della cosiddetta “compensazione ambientale”, operata in ossequio alla condanna comunitaria conseguente alla procedura di infrazione innescata dalla LIPU, a causa degli abusi perpetrati con l’insediamento della zona industriale manfredoniana nella ZPS pedegarganica.

Ricordo bene, essendo stato parte attiva di quel processo e avendo partecipato direttamente ai tavoli concertativi – specifica Enzo Cripezzi, della LIPU di Capitanata – come le istituzioni (Regione e Comune) decisero di nascondere la polvere sotto il tappeto prevedendo, poi, pseudo “compensazioni” al lago Salso con mezzo milione di euro (!), senza nemmeno arginare le pretese di alterazione territoriale nella ZPS, puntualmente avanzate ancor oggi da società come Energas.

Tutelare l’ambiente e salvaguardare l’integrità territoriale è il primo comandamento per mantenere posti di lavoro veri e favorire un’economia sana e resiliente (questione Enichem docet). Allora rivolgiamo una domanda ai Candidati Sindaci di Manfredonia, chiedendo loro di rispondere solennemente ma soprattutto con rispetto futuro delle eventuali affermazioni.

La vertenza della Lipu insieme alla comunità cittadina sulla questione Energas sancisce come da oltre 20 anni Manfredonia non conosca pace sulla zona di S. Spiriticchio. E mai ne conoscerà! Perché quell’area, senza tutele specifiche, continuerà a fare gola alle società energetiche fino a quando non sarà occupata.

I Candidati Sindaci non ritengono di voltare pagina e mettere, almeno qui, finalmente la parola fine ai reiterati assalti restituendo questa zona al Parco Nazionale del Gargano, con espressa richiesta di reintegrarla nella perimetrazione ?

Foggia, 29.10.2021                                LIPU OdV – Sezione prov.le Foggia

Vertenza ENERGAS

Lettera aperta ai Commissari prefettizi del comune di Manfredonia

Gent.mi  Commissari prefettizi del Comune di Manfredonia

Siete stati chiamati a gestire una Amministrazione in grave difficoltà e, con essa, a dare risposte alla cittadinanza almeno nell’ordinario delle aspettative dei cittadini.  Tra queste aspettative vi è l’opposizione all’impianto industriale Energas  proposto oltre 20 anni fa alle porte di Manfredonia, in un’area preziosa e contigua al Parco Nazionale del Gargano (per compromessi storici, altrimenti sarebbe all’interno). allodola arch Lipu

A Manfredonia  l’opposizione si è consolidata negli anni con argomentate contestazioni di associazioni e società civile, del mondo studentesco e di categorie produttive, fino ad approdare alla delibera di Consiglio Comunale del 2015, agli atti dirigenziali di carattere tecnico, al plebiscitario esito referendario del 2016. Una opposizione totale, quindi, scolpita nell’urlo  NoEnergas !

Lunedi 14 settembre 2020 è l’ultimo giorno utile per presentare appello al Consiglio di Stato, dopo la sentenza sfavorevole sul ricorso al TAR intrapreso dalla LIPU e…. proprio dal Comune di Manfredonia (!!!), con il CAONS ad adjuvantum, contro il famigerato parere ambientale positivo rilasciato dal Min. Ambiente nel 2015, malgrado le inconfutabili controdeduzioni presentate da associazioni e gruppi  NoEnergas .

E malgrado la condanna comunitaria inferta all’Italia dalla UE a causa della maldestra industrializzazione di una parte di quella preziosa ZPS che Energas vuole occupare. Ancora oggi, che che se ne dica!

Già perché sono destituite di ogni fondamento le dichiarazioni del suo Amministratore, Menale, secondo cui Energas non avrebbe più alcun interesse a proseguire nell’iter autorizzativo, in attesa di conclusione presso il MISE (e di cui il predetto parere ambientale è un atto consistente): in realtà nessuna rinuncia è stata presentata da Energas !

Sono stati giorni febbrili : la LIPU, associazione di volontariato, tra mille sollecitazioni sui territori, ha fatto la sua scelta, la posta in gioco è troppo elevata, non è possibile lasciare nulla di intentato, ha presentato appello al Consiglio di Stato. Ma da mesi LIPU e CAONS  hanno chiesto e sollecitato anche le SSVV a confermare un mandato legale per fare altrettanto, in ossequio a quella opposizione, non negoziabile, maturata da Manfredonia a tutti i livelli.  Nessuna risposta, e non se ne comprende ragione.

Il rischio è che la città di Manfredonia rimanga a guardare in questa importante vertenza legale rinunciando ad essere protagonista del proprio destino.

Egregi Commissari, avete un giorno di tempo. Fate la scelta giusta.

Manfredonia, 13.09.2020

LIPU onlus  –  coord della Puglia   – Enzo Cripezzi

CAONS (Coord.to Associazioni Operanti Nel Sociale) – Matteo Starace

Appello NoEnergas

steppe Spiriticchio - caro Emiliano ti voglio ricordare

Dopo decenni di lotte è giunta l’ora di mettere la parola fine .
Prima delle elezioni il Governatore della #RegionePuglia #Emiliano deliberi in Giunta il DINIEGO sulla intesa Stato Regione rispetto al famigerato progetto #ENERGAS , in ossequio al plebiscitario NO referendario dei manfredoniani nel 2016.
Il procedimento autorizzativo per il megaimpianto industriale, (alle porte di #Manfredonia, in una preziosa ZPS e sul confine del #ParcoNazionaledelGargano), è al Ministero dello Sviluppo Economico in attesa degli atti finali.
L’amministratore di #Energas ha affermato di non essere più interessato al progetto.
BUGIA : non è agli atti alcuna rinuncia !!!
Dal 2019 il comitato di gruppi e associazioni #NoEnergas ha sollecitato più e più volte al governatore #Emiliano l’adozione di questa Delibera prevista dal procedimento.
Nessuna risposta !
Chiediamolo tutti insieme: inviamo questa cartolina “ricordo” al Governatore della Puglia e/o condividiamola taggando il suo nome.

Dimissioni Rotice dall’Autorità Portuale

Siamo soddisfatti delle dimissioni dell’ing  Rotice,  un atto dovuto, in linea con la volontà popolare espressa dal referendum comunale contro ENERGAS. Le sue dimissioni da un ruolo consultivo nell’Autorità di Sistema Portuale seguono le richieste che abbiamo posto pubblicamente anche nell’incontro avuto con i commissari prefettizi.
Ora chiediamo ai commissari di nominare un tecnico del territorio che si schieri esplicitamente contro il progetto ENERGAS e che garantisca lo sviluppo ecosostenibile del territorio.

LIPU, Verdi Manfredonia, CAONS, Manfredonia Nuova, Movimento Verde, Territorio Zero, Manfredonia in Movimento, Magliette Bianche, Associazione Ecosistema Gargano, Legambiente Manfredonia, Coordinamento Ambiente e salute Manfredonia, Noi Manfredonia ODV, Friday for future Manfredonia, Collettivo inApnea, Italia Nostra, Agiamo, Fare Ambiente

Energas/Q8 a Manfredonia

LIPU: A ridosso delle sentenze TAR ancora qualunquismo da Rotice. E da Emiliano aspettiamo atti concreti.

In 20 anni di vertenza contro l’impianto industrialesteppe-spiriticchio che Energas/Q8 vuole realizzare in aree plurivincolate alle porte di Manfredonia Confindustria di Capitanata non si era mai esposta prima. Lo fa da alcuni giorni il suo rappresentante protempore, il Manfredoniano Rotice che improvvisamente esterna il suo appoggio a Energas, replicando la sua identica litania: la solita disponibilità al confronto, le solite rassicurazioni sulla non pericolosità dell’impianto, la solita preoccupazione da benefattore (!) per il territorio, fino a mettere in guardia da “sciocche strumentalizzazioni”.

Irricevibile: Rotice ha avuto 20 anni per dire la sua, avrebbe potuto decantare le lodi di Energas in occasione del Referendum cittadino o ancora prima, magari alla presentazione del progetto,  quando sarebbe stato corretto farlo, anzitutto come cittadino prima ancora che come imprenditore.

Non c’è più margine di negoziato: le procedure sono alle battute finali, malgrado pareri autorizzativi partoriti con pressioni legali, costruiti su mastodontici errori di valutazione ambientale di 20 anni fa, con le prime sentenze sfavorevoli della magistratura amministrativa, con le speculazioni dell’allora confine “ballerino” del Parco Nazionale del Gargano, con compensazioni ambientali farlocche per chiudere una condanna comunitaria che oggi rischia seriamente di riaprirsi. E infatti su tutto questo si basano le tesi che hanno portato alle sentenze del TAR Bari appena pubblicate, sfavorevoli a LIPU, Comune e Caons che hanno fatto ricorso contro il parere di VIA.

La cittadinanza ha fatto una scelta saggia, ben comprendendo, a differenza di Rotice, che non si può conciliare schizofrenicamente un’industria invasiva sui valori ambientali, paesaggistici e di sicurezza con il turismo, che proprio nella integrità territoriale basa il suo presupposto.

Nossignore – esplicita Cripezzi della LIPU - i tempi del confronto sono finiti, il matrimonio sconcio tra Energas/Q8 e Manfredonia “non s’adda fare” ! Con gli avvocati e le altre associazioni e gruppi NoEnergas stiamo valutando nuove azioni di opposizione, a partire dall’appello al Consiglio di Stato”.

Non senza chiedere concretezza al Governatore Emiliano, che ha sempre dichiarato di voler attenersi alla  la volontà popolare sulla vicenda. Bene, sarebbe ora di agire: al di là di altri pareri endoprocedimentali pendenti alla Conferenza di Servizi presso il MISE, il Presidente Emiliano intanto esprima per parte sua il diniego alla intesa stato regione sull’impianto industriale, cosi come richiesto dalle disposizioni per le infrastrutture energetiche e come atteso da oltre un anno nell’ambito della stessa Conferenza di servizi.

Intanto un consiglio a Rotice. Se, come afferma, proprio non riesce a capire perché questo impianto sia pericoloso malgrado tutte le evidenze poste dalle associazioni cittadine, la LIPU suggerisce un corso accellerato sulla pericolosità da incidente rilevante: presso la procura di Viareggio. Che la ferrocisterna che in quella città causò la nota tragedia, in confronto all’impianto Manfredoniano fa quasi tenerezza!

Foggia, 23.12.19                  LIPU onlus – coord. della Puglia