Tag Archives: provincia di foggia

Ente Provincia di FOGGIA: entra l’EOLICO SELVAGGIO, via la Politica

FacebookTwitterGoogle+Condividi

 

Associazioni Ambientaliste, di Categoria, Comitati e semplici, ma dignitosi, Agricoltori più volte hanno incontrato il Presidente della Provincia di Foggia DENUNCIANDO il far west in atto sulla proliferazione di centrali eoliche nella Daunia, con i relativi problemi in ordine alla razionale programmazione e corretto approccio alle risorse del territorio.

A fronte di una informazione a senso unico, già da anni strumentalmente a favore del fenomeno, nel dicembre 2003 una conferenza pubblica presso la sala consiliare della Provincia, con la presenza di Ripa di Meana, Presidente del Comitato Nazionale del Paesaggio, aveva formalmente investito la Provincia del rischio a cui si stava andando con una seconda valanga incontrollata di progetti e della necessità di approdare ad una moratoria che permettesse di affrontare la questione energetica in maniera razionale.

Nuova conferenza pubblica degli ambientalisti presso la sala giunta della Provincia nel 19 marzo scorso che denuncia il nuovo, indiscriminato assalto in atto con decine e decine di progetti, lo scadimento di qualunque forma elementare di rispetto delle regole di trasparenza, l’incoerenza con quella che invece dovrebbe essere una seria programmazione territoriale ed energetica.

Nel frattempo, a farne le spese il territorio, merce di scambio attraverso il ricatto economico di potenti soggetti finanziari; sullo sfondo il protocollo di Kyoto sempre più estraneo a questi colossali interessi economici e un Piano Energetico Regionale assente.

Ulteriori incontri con il Presidente della Provincia: l’Ente è DEPUTATO AL GOVERNO DEL TERRITORIO PER L’INDIRIZZO E LA PROGRAMMAZIONE e perciò si adoperi politicamente nei confronti della Regione, chiedendo urgentemente una MORATORIA sulla realizzazione e gli iter autorizzativi degli impianti. Richiesta già formalizzata alla giunta Fitto da un cartello di associazioni ma senza alcun riscontro mentre la Provincia, in merito, non assume alcuna posizione politica, abdicando al suo ruolo istituzionale. L’unica iniziativa è stata l’adozione di un blocco delle autorizzazioni all’attraversamento degli elettrodotti sulle strade provinciali.

Con sconcertante gravità, l’Ente Provincia non solo non dà riscontro alle numerose istanze della società civile ma sveglia dal letargo l’Apeac (Agenzia Provinciale per l’Energia) per organizzare questo convegno, PUBBLICO (!), a senso unico, l’ennesimo, inaccettabile!

E cosi, mentre alle pre-conferenze regionali per l’istituzione dei Parchi Regionali dell’Appennino dauno si assiste alla sceneggiata di Sindaci che chiedono “tempo” solo per completare l’assalto eolico…

Mentre negli incontri pubblici della Provincia sul percorso di costruzione del PTCP (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale) emerge con chiarezza la preoccupazione per la proliferazione eolica selvaggia…

Mentre autorevoli personalità nel mondo scientifico, dell’archeologia, dell’imprenditoria agricola, del sindacato agricolo della Daunia esternano la propria contrarietà a questa che sta assumendo sempre più i contorni della VERGOGNA D’ITALIA, ….

….la Provincia preferisce il ruolo di spettatore passivo dello scempio del proprio territorio. Tutto quello che strumentalmente riesce a balbettare è, ancora una volta, un fantomatico patto per l’eolico con un “accordo volontario” per il quale si mette su un bel convegno !!!!   E pensare che negli studi preliminari dell’Ente Provincia, commissionati con soldi pubblici della comunità europea (!) si legge “….area vasta di estremo pregio per le valenze paesaggistiche e architettoniche la cui salvaguardia costituisce un momento importante per il suo rilancio…” !

Questo convegno rappresenta in realtà l’ultimo atto con cui la Provincia di Foggia sembra ormai voler sancire la volontà di CONSEGNARE IL TERRITORIO ALLE SOCIETA’ EOLICHE PRENDENDO PER I FONDELLI LA SOCIETA’ CIVILE !! Neanche a fronte di assalti e scelte cosi evidenti e palesi, come quella di Troia, dove l’Amministrazione comunale (il cui Sindaco viene ammesso alla tavola rotonda del convegno!!!) ha approvato 11 centrali eoliche, e altre sono state proposte, per centinaia di pale, la Provincia ha ritenuto di adottare una posizione politica forte e inequivoca nei confronti della Regione. E Troia è solo la punta dell’iceberg del tramonto politico di Amministrazioni a braccetto delle società: Alberona, Faeto, S. Agata, Rocchetta, Roseto… si farebbe prima ad individuare quali Amministrazioni non siano coinvolte… se ce ne sono!

Oggi siamo presenti a questo convegno con il solo scopo di presidiare la “solita informazione” e i soliti ricatti economici e occupazionali di bassa lega che siamo abituati ad ascoltare da anni. NON SIAMO PRESENTI PER DARE UNA PATENTE DI DEMOCRAZIA A QUESTA INIZIATIVA !

Tutto questo non può passare inosservato. L’inadeguatezza e la compiacenza con cui un fenomeno di simili proporzioni di modifica del territorio è affrontato nelle sale politiche della Provincia, ci spinge a chiedere CON URGENZA e senza mezzi termini UN INCONTRO monotematico ai MEMBRI di GIUNTA e ai GRUPPI POLITICI della Provincia.

VOGLIAMO CAPIRE fino in fondo dove risiedono le responsabilità politiche E ARRIVARE AL DUNQUE di questa deprecabile situazione.

16.05.2005                         L I P U                          ITALIA  NOSTRA                    V A S 

con il supporto dei Comitati contro l’eolico selvaggio in Capitanata e COMITATO NAZIONALE del PAESAGGIO

LEA: È ORA DI FARE CHIAREZZA

Italia Nostra, Legambiente, LIPU,  WWF chiedono un confronto con la Provincia di Foggia

Desta non poche perplessità nelle associazioni ambientaliste Italia Nostra, Legambiente, LIPU, e WWF di Foggia,  il “balletto” sulla gestione del LEA, Laboratorio di Educazione Ambientale della Provincia di Foggia.

Questa struttura, già al centro di polemiche tra l’Ente Provincia ed Aforis, è stata oggetto di un bando pubblico per un nuovo affidamento della gestione.

Se l’intenzione era quella di dare trasparenza, pluralismo e nuovo vigore al LEA, ora, quasi alla scadenza dei termini e senza alcuna motivazione ufficiale, il bando viene ritirato.

Il timore dell’ennesima operazione di acquisizione di potere con manovre clientelari di affidamento diretto e la “sistemazione” di qualche unità lavorativa, appare fondato.

Eppure il LEA rappresenta un luogo di formazione, discussione, educazione e mediazione per i diversi soggetti che agiscono sul territorio, dalle scuole alle associazioni, dagli enti pubblici agli operatori economici privati. Il suo mandato è quello di diffondere una nuova cultura ambientale e di rendere praticabili modelli e stili di vita sostenibili, promuovendo e sostenendo la partecipazione della cittadinanza attiva. Un compito non facile, che richiede professionalità e competenze che non si inventano dall’oggi al domani.

Sebbene un Ente pubblico abbia la facoltà di gestire in proprio strutture di questo genere, le modalità rocambolesche con cui la Provincia approda a tale decisione preoccupano non poco.

Un gretto approccio alla delicata materia dell’Educazione Ambientale, che tradisce un’impostazione semplicistica e poco lungimirante anche per le più impegnative politiche ambientali della nostra Provincia. Non a caso siamo agli ultimi posti delle graduatorie nazionali in tema di ambiente e qualità della vita. Un costo sociale che oggi è pagato da tutti i cittadini che potrebbero presentare il conto a chi ha la responsabilità di operare scelte e prendere decisioni.

Pertanto, per tutto quanto accaduto, le Associazioni Ambientaliste impegnano l’Amministrazione Provinciale, nella persona del suo Presidente, ad un confronto aperto affinché sia riconosciuto e  sancito a pieno titolo, anche nell’ambito del LEA, il ruolo che esse svolgono in materia di educazione e sensibilizzazione ambientale.

 Foggia, 02.02.05

Italia Nostra     Legambiente    LIPU   WWF    -   Sezioni  di  Foggia 

Regione e Provincia sulla Caccia: Fauna selvatica svenduta al potere venatorio

E’ di pochi giorni fa la notizia del varo da parte della regione Puglia di un Ddl volto a peggiorare la situazione sul territorio: con la scusa di applicare il concetto di “caccia programmata” infatti si esaspera l’aumento della densità venatoria e si favorisce l’accesso di cacciatori esterni alle province di residenza. In altri termini sarà aumentato il numero di cacciatori provenienti da altre regioni che potranno cacciare liberamente nel nostro territorio, con il risultato di aumentare gli incassi in barba alla protezione del patrimonio faunistico e, evidentemente, anche contro gli interessi dei cacciatori locali.

Questo determinerà una ulteriore concentrazione venatoria non già sull’intero territorio agro-pastorale ma più pericolosamente in aree critiche già esposte al rischio di un pesante bracconaggio.

Giova ricordare che una attenta politica di gestione faunistico – venatoria deve farsi interprete del concetto di “caccia programmata”, che rapporta il numero dei cacciatori al territorio e la consistenza del prelievo venatorio, ma lo fa sulla base di censimenti faunistici che non possono essere a pannaggio di una parte in causa come quella venatoria. Tale politica deve anche legare il cacciatore al territorio, allo scopo di evitare la tendenza alla “rapina” faunistica da parte di chi non risiede nello stesso territorio con successivi, costosi e dannosi tentativi di ricostituzione delle popolazioni di animali di interesse venatorio attraverso il continuo drogaggio dei ripopolamenti.

Tale peggioramento normativo, a cui le associazioni ambientaliste si riservano ogni azione di contrasto, non è però l’unico ad affacciarsi sul panorama estivo, notoriamente congeniale a silenziosi colpi di mano!

All’ordine del giorno del Consiglio Provinciale del 30 giugno scorso è comparso un punto, in cui si chiedeva l’innalzamento dal 4 al 20 % della soglia percentuale di cacciatori non residenti che possono essere ammessi da oltre regione. Tale richiesta è anche assurdamente giustificata con la promozione del “turismo” venatorio e delle ricadute economiche sulle zone interessate.

Le associazioni ambientaliste invitano i consiglieri provinciali a sottrarsi a queste prese in giro che mirano solo a favorire l’interesse di alcuni a scapito di un vero interesse collettivo che non può essere certo quello del degrado della risorsa naturalistica.

Il turismo, quello vero, quello culturale che costruisce con le realtà locali e mantiene inalterato il capitale ambientale, ha l’esigenza di destagionalizzare la propria offerta e di arricchirsi con la promozione delle aree interne. Questa esigenza non può essere compromessa da miopi iniziative che vanno in direzione del tutto opposta. Ricordiamo che intere aree sono precluse al turismo naturalistico proprio dalle pratiche venatorie ivi esercitate.

E, assurdamente, i fautori di tali proposte non fanno neanche gli interessi dei cacciatori locali dal momento che la risorsa faunistica viene depauperata da cacciatori d’oltre regione e quindi meno interessati, se pur per motivi non protezionistici, a che tale risorsa si mantenga nel tempo.

Ovviamente anche per tale iniziativa le associazioni si riservano ogni azione ivi compresa quella di informare l’opinione pubblica.

Foggia, 05.07.04

Legambiente Foggia        LIPU  Foggia        VAS   Foggia        WWF  Foggia