IPZS e LIPU: nidi artificiali per aiutare i falchi Grillai

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Iniziativa nell’area “paglia” bonificata, da problema a valore ambientale !

Era il 2006 quando una coppia di Grillai tornò a nidificare dopo decenni nel centro storico di Foggia. Continuò a riprodursi sulla Cattedrale, nel 2008 se ne recuperò anche un giovane caduto maldestramente dal nido, fino all’ultima nidificazione nel 2010.  Poi i lavori di restauro dell’edificio impedirono la nidificazione di questi falchi che, tuttavia proprio nel 2011, furono rilevati dalla LIPU alle porte del capoluogo dauno, con 2 coppie nidificanti su edifici dismessi nell’area agricola di pertinenza della Cartiera  4(cosiddetta area “parco paglia”).

Un’area tristemente nota, sede di un impianto di produzione di aggressivi chimici a fini bellici  durante la seconda guerra mondiale. I Grillai avevano scelto la storica torre del periodo fascista e le vicine strutture diroccate.

Negli anni successivi la presenza dei falchi si era consolidata fino a 5 coppie, inducendo la LIPU ad avviare nel 2013 contatti con la direzione dell’IPSZ (Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato) allo scopo di favorire la tutela della specie. Purtroppo l’area del “parco paglia” non poteva essere accessibile, per ragioni di sicurezza.

Si è dovuto attendere i lavori di bonifica della zona, intrapresi dal Poligrafico con un complesso iter progettuale e amministrativo dal 2014 e avviati nel 2016. Ciò ha comportato anche la rim2ozione inderogabile di manufatti edilizi pericolanti su cui nidificavano alcune delle coppie.

Ma finalmente quest’anno la LIPU ha potuto collocare apposite cassette nido, mutuando l’esperienza ventennale maturata con le popolazioni di Grillai nella Murgia.

E’ il parziale epilogo di una bella storia – evidenzia il responsabile della LIPU, Cripezzi -. L’iniziativa potrà favorire il successo riproduttivo per questa piccola colonia di Grillai: grazie alla tutela assicurata dal Poligrafico, l’area ha maturato caratteri di tranquillità e un ambiente idoneo per la specie”. Di fatto, la zona è paragonabile a una Riserva naturale: decine di ettari miracolosamente scampati all’espansione edilizia dalle notevoli potenzialità naturalistiche, in simbiosi con la storica torre vincolata dalla Soprintendenza. 3

Siamo lieti di aver avviato questa collaborazione – aggiunge il dr. Tragna, Project Manager del Poligrafico. – La politica dell’IPZS è da sempre orientata all’integrazione con il territorio e a valorizzare il rapporto con la collettività. L’importanza di quest’area e la presenza di specie faunistiche contemplate dalle direttive comunitarie, è motivo di vanto e orgoglio che va ad aggiungersi all’interesse storico architettonica della torre.”.

Intanto Poligrafico e LIPU sperano che questi falchi migratori trovino di loro gradimento le prime cassette nido e mettano su famiglia.

Foggia, 12.06.2018                                    IPZS – Stabilimento di Foggia

LIPU onlus – Sezione prov.le Foggia

Scegli la Natura, Choose Nature

E’ iniziata la campagna LIPU finalizzata al reclutamento di giovani volontari per il progetto LifeChoose Nature (Choo-Na). Il progetto è stato finanziato dall’Unione Europea e dalla Fondazione Cariplo ed avrà termine ad agosto 2019.  choona-graphic

Choose Nature è un progetto di volontariato ambientale dedicato ai ragazzi e alle ragazze tra i 17 e i 30 anni che vogliono fare qualcosa di importante per difendere la natura e gli animali. Persone motivate, coraggiose, pronte a sporcarsi le mani per proteggere gli habitat naturali più preziosi e le specie più a rischio insieme alla Lipu e agli European Solidarity Corps.

Formazione, intervento e sensibilizzazione. Choose Nature è un’esperienza di volontariato ambientale completamente nuova, nata grazie al sostegno dell’Unione europea e di Fondazione Cariplo

I volontari, tra i 17 e i 30 anni, dovranno iscriversi al Corpo Europeo di Solidarietà (European Solidarity Corps – ESC) e saranno impegnati per un minimo di 42 giornate, da svolgersi entro la durata del progetto.

L’iniziativa si pone l’obiettivo di creare 22 gruppi di volontari, in tutto il territorio nazionale, che saranno impegnati nella salvaguardia di 8 specie di uccelli protetti dalla Direttiva Uccelli e 3 specie fortemente minacciate.

In Puglia i volontari oltre a svolgere attività di sensibilizzazione e divulgazione aiuteranno nelle azioni tanto critiche quanto importanti quali: il censimento delle coppie, la salvaguardia dei nidi e il successo riproduttivo dell’albanella minore (Foggia e Tavoliere), del fratino (Manfredonia e la costa del Golfo di Manfredonia) e del falco grillaio (nell’area dell’alta Murgia).

Per diventare volontario basta andare sul sito del progetto (www.lipu.it/choona) e compilare il modulo di adesione. Informazioni ulteriori possono essere attinte sullo stesso sito o richieste direttamente con una mail alla LIPU.

Foggia, 03.04.18                                    LIPU Onlus – Sezione prov.le Foggia

Fermate i Cannibali. Fermate il Decreto.

Dal Governo nuova ondata di “parchi”, quelli eolici che divorano i parchi veri.

LIPU alla politica: FERMATE  I  CANNIBALI !

Dalla LIPU pugliese lallarme, l’ennesimo da oltre 15 anni !!!! Nuovo saccheggio territoriale con la famigerata SEN, Strategia Energetica Nazionale approvata qualche mese fa dal Governo, e con il relativo Decreto Incentivi in arrivo alla Conferenza Stato Regioni.

Una SEN impacchettata con un contributo rinnovabile speculativo, orientato quasi totalmente al comparto elettrico e trascurandone altri ben più utili alla causa (trasporti, termico, ecc). Per tale atto, il Governo Gentiloni ha umiliato le leggi dello Stato sulla Valutazione Ambientale.

Avrebbe dovuto essere un normale “Piano” Energetico Nazionale da assoggettarsi, come tutti i Piani, a VAS, Valutazione Ambientale Strategica, al fine di verificarne la sostenibilità. Invece è stato scandalosamente aggirato tale obbligo, definendo “Strategia” quello che dovrebbe essere un “Piano”! E cosi nessuna preventiva valutazione territoriale, ambientale, paesaggistica ma solo obiettivi finalizzati a legittimare nuovi succulenti sussidi per le società energetiche.

E sulla scia della SEN fuorilegge, in chiusura di legislatura il Governo ha avviato l’iter di un nuovo Decreto per incentivi (ventennali!) a nuovi impianti rinnovabili per ben 6000 MW di capacità. La bozza sta per essere sottoposta al parere della Conferenza Stato – Regioni, dove si misurerà la moralità dei Governi regionali.

La LIPU pugliese ha trasmesso una argomentata nota (vedi nota) al Governatore Emiliano, alla Giunta Regionale e ai Consiglieri Regionali, rivolgendo un appello affinché non sia replicata la brutta esperienza del 2015 sul precedente Decreto di incentivazione per centinaia di MW.

In quella occasione la Regione lasciò passare l’atto senza sbattere i pugni sul tavolo, ignorando le richieste della LIPU. E cosi altre aree furono crocifisse. Questa volta sono 6000 i MW in ballo, in gran parte eolico, che travolgeranno la Puglia !

Le Regioni hanno l’obbligo morale di fermare  i “parchi” cannibali e difendere quel che rimane dei propri territori – è l’appello di Enzo Cripezzi della LIPU – altrimenti i politici saranno ricordati come coloro che hanno consegnato altri territori alla prostituzione. Emiliano ponga una vertenza non negoziabile in Conferenza Stato Regioni: BASTA prebende alla speculazione! Quei fiumi di denaro vanno dirottati verso opzioni serie di lotta ai gas serra, non invasive e più efficaci, con il concorso e al servizio dei cittadini. Intervenire sul rubinetto dei sussidi è il modo più efficace per contrastare questa aggressione, visto che i Regolamenti, il Piano Energetico e il Piano Paesaggistico regionali sono sempre più carta straccia”.

L’odore dei soldi ha già indotto le società eoliche a presentare numerosi, ulteriori, giganteschi progetti alla V.I.A. che ora è Ministeriale, prefigurando “regali” governativi alle società eoliche.

Nuove piantagioni di macchine eoliche gigantesche (i parchi finti),eolico-prov-fg-e-confini-bat come quelle che hanno ucciso sul nascere e rimpiazzato il Parco Regionale dei Monti Dauni per migliaia di ettari. Cosi come stanno assediando a terra e a mare il Parco del Gargano e le Saline di Margherita di Savoia, hanno sfigurato la visuale di Castel del Monte nel Parco dell’Alta Murgia. Stanno decontestualizzando i parchi archeologici in Salento con l’espianto di centinaia di ulivi, l’abbattimento di muretti a secco, l’umiliazione delle Pajare cosi come in Capitanata (Pinuccio di Striscia docet). Nuove centrali eoliche stanno per recintare anche le aree protette a S. Paolo di Civitate, a Bovino, a Cerignola… o il Parco delle Gravine tarantine. Mentre il solare termodinamico sta per mangiarsi oltre 100 ettari a S. Severo

Sembra grave? E invece lo è di più!!!! conclude Cripezzi - Ai tanti  progetti in arrivo al Ministero, è da aggiungere la valanga di impianti non realizzati ma già autorizzati negli anni dalla Regione, nonché quelli autorizzati o in valutazione presso le Province (improvvidamente delegate dalla Regione dal 2008). Impianti che non aspettano altro che nuovi sussidi !

E’ intollerabile l’imposizione dittatoriale di tecnologie di generazione energetica come l’eolico che, malgrado migliaia e migliaia di pale e i consumi ridotti dalla crisi, contribuisce per l’1,4% sul fabbisogno energetico totale dell’Italia !

Puglia 26.3.2017                                         LIPU Onlus – coord. della Puglia

Ecco sul BUR la “famosa” nuova Legge regionale su caccia e protezione della fauna selvatica

Italia Nostra e LIPU: arginata la deriva venatoria ma  il testo presenta ancora pessimi punti.

Nelle settimane scorse l’approvazione della nuova Legge regionale “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma, per la tutela e la programmazione delle risorse faunistico-ambientali e per il prelievo venatorio” ha destato prese di posizione politiche in gran parte positive.

Italia Nostra e LIPU hanno atteso che fosse reso pubblico il testo coordinato con i numerosi emendamenti approvati per esprimere la propria posizione, ben più critica.

Il percorso di approvazione di questo Disegno di Legge è stato seguito da tempo. Le prime, pessime modifiche alla legge in materia furono proposte già nel 2011-2014 (Consigliere Pentassuglia – PD) e stoppate in più occasioni.

Successivamente un nuovo testo, anch’esso ben poco “ambientalista” era approdato in questo Consiglio Regionale a firma dei consiglieri Pentassuglia (PD) e Gatta (FI). Sulla scia di questo DDL sono state presentate osservazioni già da parte della LIPU nel maggio 2017, poi da Italia Nostra, LIPU e WWF nell’ottobre scorso, quindi emendamenti dalle forze politiche e dalla Giunta.

Se da un lato emerge una pacata soddisfazione degli ambientalisti per aver conseguito un argine a pericolose prospettive di deriva venatoria, per altri versi si devono stigmatizzare alcuni aspetti negativi che rischiano addirittura di agevolare la caccia di frodo.

Tra i punti controversi, ad esempio, non si prevede di annotare con immediatezza sul tesserino i capi dopo l’abbattimento (lasciando questa possibile prescrizione solo al calendario venatorio). Si intuisce quanto grave possa essere tale opzione: confidando nella mancanza di controllo il cacciatore sarebbe agevolato nell’evitare completamente l’annotazione sul tesserino.

Ancor più grave la previsione per cui “….Costituisce esercizio venatorio ogni atto diretto all’abbattimento …. con armi pronte per l’uso e cariche.”. Secondo questa legge quindi l’atteggiamento venatorio si configura SOLO con armi pronte all’uso e cariche !

Sul piano dei controlli, tale definizione consente ai bracconieri di farla franca, oltre che essere in palese contrasto con la Legge quadro nazionale e sovraordinata (L.157/92). Infatti, per NON configurare un atteggiamento di caccia l’arma dovrebbe essere anche custodita nel fodero oltre che scarica. Paradossalmente, ad esempio, non si configurerebbe un atteggiamento di caccia dopo l’immediato utilizzo di un’arma, proprio perché scarica!

Questi ed altri aspetti critici – come ad esempio la possibilità di abbattimento di specie domestiche (contemplata in una legge riguarda la “fauna selvatica”), o l’obbligo in capo alle guardie volontarie di fornire i verbali di notizie di reato alla Amministrazione regionale, invece che ai soli organi di PG, ecc – sono oggetto di preoccupazione di Italia Nostra, LIPU e WWF che si riservano di adottare azioni specifiche.

Intanto la partita venatoria in Puglia si sposta sul Piano Faunistico Venatorio, fondamentale strumento di programmazione delle risorse faunistiche, il cui procedimento di valutazione e approvazione però sembra essere caduto in letargo. Evidentemente per non assoggettare nemmeno l’annata venatoria 2017-2018 al nuovo Piano !

Bari, 29.12.2017                             Italia Nostra Puglia  -  LIPU Puglia